Tasso USD / CAD Sulla Rotta per Agganciare L’Intervallo Mensile Dopo L’Incontro del FOMC

Mentre i partecipanti al FOMC si siedono per discutere e rimuginare sul loro cammino in avanti per quanto riguarda l’impatto delle recenti misure di inasprimento della politica della Fed, il tasso USD / CAD è ancora sulla buona strada per spezzare il suo intervallo di mese in mese. Sembra che nessun indicatore economico cambierà il modello dell’attuale rallentamento.

La banca centrale non sembra essere sotto pressione per rispondere al crollo dei prezzi del petrolio o di qualsiasi altra pressione esterna che potrebbe farle ripensare alla sua strategia politica. È probabile che tali forze rimarranno un ostacolo per i responsabili politici mentre formulano il loro piano per risolvere i problemi sottostanti nell’economia globale.

In effetti, è improbabile che l’atteso fallimento dei prezzi del petrolio si muova significativamente in risposta alle azioni del FOMC per dissuadere l’aspettativa del mercato che il dollaro USA manterrà la sua forza recente. In effetti, il tasso USD / CAD è ora sulla buona strada per spezzare anche il suo intervallo.

In effetti, mentre tutti guardano il FOMC e il suo annuncio oggi, la Fed sembra allontanarsi ulteriormente dai suoi obiettivi politici per quanto riguarda l’economia globale. L’intervallo target che era presente prima della riunione del FOMC e che è in atto ora continuerà a essere testato mentre si avvicina la prossima riunione.

Il problema chiave che la Fed deve affrontare a questo punto è che c’è ancora una grande incertezza nel mercato su come reagirà allo shock petrolifero. È possibile che possano intraprendere un’azione che il mercato percepisce come più aggressiva, il che spingerà indietro il tasso USD / CAD.

Si presume inoltre che il Fed intraprenderà ulteriori azioni per far fronte alla depressione in Europa. Mentre la crisi dell’UE è stata risolta, i mercati non la vedono risolta.

A questo punto, il FOMC sta esaminando un altro evento di mercato, che è la necessità di evitare eventuali dislocazioni nel mercato immobiliare. I mercati delle abitazioni che hanno subito una correzione delle abitazioni probabilmente torneranno a un livello più elevato dei prezzi delle case.

A questo punto, il FOMC sembra propendere per attraversare il periodo di recessione al fine di preservare la credibilità del suo programma di stimolo. Questo perché gran parte dello stimolo è volto ad assistere il settore finanziario e il settore bancario.

Si ritiene inoltre che ci sarà un gran numero di disoccupati di lunga durata che rimarranno in una posizione in cui non saranno in grado di trovare un lavoro. Sebbene non vi siano prove che ci sarà un numero considerevole di disoccupati di lunga durata, gli effetti sui mercati finanziari saranno gravi e potrebbero determinare una spirale discendente nella più ampia economia degli Stati Uniti.

Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che il FOMC si atterrà al corso programmato a settembre. Sembra che i mercati abbiano identificato questa debolezza e credono che la Fed rilascerà una dichiarazione a settembre che dimostra che prenderà provvedimenti per affrontare questo problema.

Uno dei fattori che ha indotto i mercati a credere che la Fed sarà aggressiva a settembre è stato il suggerimento del FOMC che utilizzerà una misura dell’inflazione nota come deflatore del PCE per valutare le variazioni del tasso di inflazione. È probabile che questa misura si dimostri molto efficace nel rilevare il rendimento dell’economia di fronte alla crisi finanziaria.

I mercati sono stati anche attenti al fatto che il FOMC prenderà provvedimenti che sarebbero molto vicini a un taglio del suo tasso di interesse politico. Ciò significa che si aspettano che la Fed riduca il tasso tra uno e due punti percentuali nella prossima riunione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *